A Salerno il primo Centro Regionale per il Trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare

0
39

“Il mondo è cambiato, e con esso, le tipologie dei disturbi psichici sono cambiate, quindi necessitano di cambiare anche le tecniche di cura e le modalità assistenziali.”

Sarà inaugurata giovedi 21 maggio, a Salerno, in via Martin Luther King, nel quartiere Mariconda, la struttura pubblica che si occuperà del trattamento dei disturbi del comportamento alimentare, nel Dipartimento di salute mentale.

Il centro è il primo per i residenti della regione Campania, è una struttura a carattere residenziale con ambulatori e stanze a carattere residenziale per 8 ospiti,  semiresidenziale, diurno per 10 posti,  e ambulatoriale.

Stretta l’intesa con l’Istituto alberghiero “Roberto Virtuoso” per curare l’anoressia, la bulimia ed il disturbo da alimentazione incontrollata, dunque, patologie complesse che mostrano un indice di mortalità alto tale da essere la seconda causa di morte tra i giovani.

Al centro sono ammessi solo i pazienti che decidono volontariamente di intraprendere il percorso riabilitativo e che sono disponibili a considerare il programma terapeutico proposto come una priorità.

La durata del trattamento è ovviamente variabile ed assolutamente legata alle caratteristiche individuali del singolo utente. Ad accogliere i pazienti vi sono  ambienti accoglienti e adatti ad una permanenza che faciliti le attività di riabilitazione e socializzazione, ricordando più una casa che un ambiente medico: camere da letto arredate di tutto punto e dotate di bagni privati, sala da pranzo con cucina attrezzata, salotto con tv e sala per le attività ricreative con biblioteca e internet- point;  in  più due ambulatori e una medicheria.

Due gli incontri avvenuti tra Libera D’Angelo, rappresentante di associazioni di familiari psichiatrici ed il Direttore Generale Dr. Mario Iervolino, insieme con il Direttore del Dipartimento di Salute Mentale Giulio Corrivetti, a cui hanno partecipato anche  la responsabile della struttura, la dottoressa Marilena Di Pierro, la Dr.ssa Antonella Boccia, il Dr. Francesco Monaco e la Dr.ssa Ilona Forte.

L’accento è stato posto sulle strutture di eccellenza che la Regione Campania può vantare nei suoi dipartimenti di Salute Mentale e sulla necessità di implementare una rete di comunicazione tra questi che possa andare ad esclusivo vantaggio dei pazienti psichiatrici campani.

A Mariconda ho avuto il piacere di trovare una struttura accogliente e all’avanguardia, – Dichiara Libera D’Angelo – in cui la stessa attenzione ai particolari raccontava della cura e dell’amore che gli operatori sanitari infondono nella loro missione quotidiana, volta a rispondere al meglio alle esigenze particolaristiche dei pazienti.

Quello che non è mancato – continua Libera D’Angelo – è stata la piena disponibilità alla collaborazione in un’azione coordinata a livello regionale che sappia proporre le giuste soluzioni ai problemi comuni della Salute mentale Campana, rivolgendo una particolare attenzione ai disturbi post-covid che già si stanno manifestando in maniera preoccupante su tutto il territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui