A NY il primo Museo della Pizza: nessuno interpella i pizzaioli napoletani

0
110

Apre a New York il primo museo della pizza. Gino Sorbillo: non hanno interpellato o inviato pizzaioli napoletani, rivendichiamo la  storia della pizza napoletana, la “Bibbia delle pizze”. Borrelli: l’arte della pizza napoletana è patrimonio Unesco, adesso bisogna realizzare a Napoli un museo

“Mi auguro che nel museo della pizza di New York la pizza napoletana sia stata presa nella dovuta considerazione per  la sua importanza e, soprattutto, per essere l’unica a poter vantare trecento anni di anzianità. La nostra è la “Bibbia delle pizze”, quella da cui tutte le altre hanno avuto origine. Dispiace che in occasione dell’apertura gli organizzatori non abbiano pensato di invitare o coinvolgere i pizzaioli di  Napoli né tantomeno le associazioni di categoria. Non vogliamo essere presuntuosi ma ci devono riconoscere la paternità della pizza, nostro vanto e tradizione, che non abbiamo nessuna intenzione di farci rubare. Fino a quando non vedremo che in quel museo venga riconosciuto il giusto valore alla pizza napoletana non daremo alcun appoggio a questa iniziativa”. Queste le parole del maestro pizzaiuolo Gino Sorbillo che già in passato aveva criticato questa iniziativa.

“Dietro ogni pizza nel mondo c’è la scuola napoletana che, non a caso, ha visto il riconoscimento dell’arte della pizza come patrimonio Unesco. Dispiace che nel corso degli anni non sia stato realizzato a Napoli il primo museo della pizza anche perché, è bene ricordarlo, nessun ente pubblico o associazione ha mai deciso di sostenere con forza la sua realizzazione. È tempo di realizzare anche a Napoli un museo del genere non solo per i turisti ma anche per chi vuole intraprendere questo mestiere. Elencare la pizza napoletana semplicemente come una tra le varie pizze che si producono in tutto il mondo significa però commettere un falso storico e ingannare i consumatori e i visitatori del museo. La primogenitura è dei pizzaioli napoletani e nessuno gliela può sottrarre”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui