Editoriale

Il Presepe napoletano: il corteo degli orientali

-di Giuseppe Esposito- Proseguendo nella nostra escursione attraverso il presepe napoletano, ci imbattiamo nella trentaquattresima delle sue figure: il corteo degli orientali, o meglio nei Re Magi seguiti dal loro fantasmagorico corteo. Uno dei più...

Covid 19: da oggi 3 gennaio ridefinita la mappa dei colori in Italia

Il Ministro Roberto Speranza ha emanato una nuova ordinanza che ridefinisce la mappa a colori dell'Italia in relazione al rischio Covid 19. Ai sette territori in Zona Gialla: Liguria, Marche, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Calabria, la...

I primi vent’anni dell’Euro. Perché è stato un successo e perché dobbiamo tenercelo stretto

di Pierre De Filippo- Il 1 gennaio 2022, l’Euro, il più esemplificativo simbolo dell’integrazione europea, ha compiuto vent’anni. Un bel traguardo se si considera da dove si era partiti e, soprattutto, le crisi – importanti...

Se po’ murì a Natale?

  Se po’ murì a Natale? No! Nun è giusto! Mmiezo ‘e luce, ‘e rummure ‘o suono d’’e zampogne; nnanza ‘a tavola appriparata, vongole e capitune, struffole e panettone, noce, nucelle e ‘o vino buono! E mentre tuttequante se scagnano ‘o Buon Natale. Signò, mentre ognuno aspetta ca adda...

Vienna, Concerto di Capodanno, quella marcia che sa di sconfitta

-di Giuseppe Esposito- È ormai una tradizione quella del NeujahrsKonzert dalla sala dorata del Musikverein di Vienna. Ossia del Concerto per il nuovo anno eseguito dall’Orchestra Filarmonica di Vienna. L’idea del concerto di capodanno venne,...

Ultimi istanti del 2021, ricordi di un anno avvolto dalla pandemia e dalla speranza

di Claudia Izzo- Di quanto sia veloce il trascorrere di  un anno  ce ne rendiamo conto quando finisce. E così volge al termine anche questo 2021 con tutte le speranze, i sogni realizzati e quelli...

Romanzo Quirinale

di Pierre De Filippo- In Italia tutto si può dire tranne che la politica non sia invasa dai famosi apostrofi rosa, quelli tanto cari al poeta Edmond Rostand. Tutto – il dramma, la tragedia, l’avventura, la...

I giocatori di carte, il barbiere, il pescivendolo, le lavandaie, le piante apotropaiche nel...

-di Giuseppe Esposito- Una figura non più così frequente nei presepi di oggi è la quarantatreesima che era chiamata Maria ‘a purpetta. Essa gravita all’interno dell’osteria ed era in pratica un’avvelenatrice. Preparava infatti polpette avvelenate destinate ai...