Matteo Saggese protagonista di tre concerti-evento

0
44

SALERNO. Tre date, tre location che rappresentano fortemente l’identità del territorio, tre concerti-evento con uno dei principali musicisti e produttori della scena musicale contemporanea. Sarà Matteo Saggese, compositore e pianista salernitano da anni di stanza a Londra, il protagonista della rassegna MusicAccanto promossa dalla Fondazione della Comunità Salernitana per provare ad aiutare concretamente, attraverso la creazione di un fondo dedicato, gli artisti del territorio che, più di altre categorie professionali, hanno profondamente pagato lo scotto della crisi sanitaria. E a farsi portavoce di questa ambiziosa sfida, non poteva che esserci uno dei principali esponenti di quella scuola salernitana che ha saputo valorizzare ben oltre i confini nazionali, diventando punto di riferimento internazionale per molte star.

Si parte lunedì 24 agosto nella splendida cornice della Certosa di Padula, per poi spostarsi, mercoledì 26, alla Tenuta dei Normanni di Salerno, nell’ambito del Festival delle Colline Mediterranee, mentre giovedì 27 agosto il gran finale nell’area archeologica dei templi di Paestum. Ad accompagnare Matteo Saggese, una band composta da professionisti di primissimo piano: Enrico Zilli (batteria e percussioni); Alfonso Deidda (sassofoni e flauto); Domenico Andria (basso e contrabbasso); Carlo Fimiani (chitarre); Alessandro La Corte (tastiere); Davide Cantarella (percussioni); Antonia Criscuolo (voce e cori); Nicola Tommasini (fisarmonica) e Francesco Doto (voce). Ma le sorprese non finiscono qui: ogni sera, ad alternarsi sul palco, ci saranno in qualità di ospiti, gli “amici” di sempre, quelli con cui Saggese ha, nel corso del tempo, tessuto progetti che hanno reso celebre nel mondo la sua coraggiosa capacità di riscrivere le note e di reinventare degli autentici cult della musica italiana e non solo.

Ecco dunque la voce unica di Peppe Servillo, con cui firma il progetto Italian Portraits, la chitarra di Mauro di Domenico, voce chitarra e tamburo di Fausta Vetere, la voce di Mario Rosini, violino tamburo e cornice di Mauro Durante, il sax contralto della regina del jazz Carla Marciano e, guest star, il chitarrista britannico Phil Palmer. Protagonista del tour mondiale dei Dire Straits tra il 1991 e il 1992, dopo aver partecipato alla realizzazione dell’album On Every Street, Palmer salirà sul palco di Paestum il 27 agosto.

Collaboratore di alcuni grandi interpreti italiani, da Lucio Battisti a Ivano Fossati, da Francesco De Gregori a Roberto Vecchioni, nel 2004 è stato direttore musicale dell’evento Strat Pack che si tenne alla Wembley Arena di Londra in occasione del 50esimo anniversario della chitarra Fender Stratocaster, accompagnando le icone David Gilmour, Joe Walsh, Jamie Cullum e Brian May, solo per citarne alcuni.

A raccontare il viaggio di MusicAccanto, ci sarà Valeria Saggese, giornalista, autrice e conduttrice, a cui spetterà il compito di accompagnare il pubblico alla riscoperta dei grandi compositori made in Italy (Rota, Morricone, Piovani), passando per le canzoni più celebri del Seicento e del Settecento napoletano, fino ad arrivare a Carosone e al grande jazz, con incursioni nella musica leggera attraverso le canzoni scritte da Matteo Saggese per Zucchero, Giorgia e Celentano.

La rassegna, che si svolgerà nel pieno rispetto dei protocolli sanitari anti Covid-19, è aperta al pubblico solo su prenotazione. E’ possibile acquistare i biglietti sul sito www.postoriservato.it. Il ricavato dei concerti servirà a finanziare il fondo istituito dalla Fondazione della Comunità Salernitana – dedicato agli artisti e lavoratori dello spettacolo e della cultura della provincia di Salerno – e ad agevolarne l’accesso al microcredito.

In un momento così delicato, come quello che stiamo vivendo – spiega il presidente della Fondazione Comunità Salernitana Antonia Autuori – abbiamo ritenuto doveroso dare il nostro contributo al mondo della cultura, da un lato facendoci promotori di iniziative che consentissero agli artisti di esibirsi e dunque di lavorare, dall’altro creando un sistema virtuoso di accesso al credito, che li aiutasse a superare le difficoltà legate ai mesi di lockdown”.

I quattro concerti saranno arricchiti dalla mostra fotografica a cura di Lello D’Anna, nata dal progetto “SOSPESI… il grido silenzioso degli artisti” ideato da Valeria Saggese e dallo stilista Peppe Volturale. 

L’evento è realizzato con il sostegno della Regione Campania. Si ringraziano il Comune di Capaccio, il Comune di Padula, la Tenuta dei Normanni e gli sponsor: Conserve Petti, Marmi Sacco, Tubifor, Cartesar, Eurogas, Genesis srl, GDA, GB Intermediazioni assicurative Srl.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui