La mia borsa la mia storia.

0
73

Quanto storie potrebbe raccontare una borsa di una donna, in particolare grazie alla campagna social organizzata per l’8 marzo da La Bottega del Calzolaio, da Momò Social Media Marketing e dal Comune di Battipaglia.

Oggetto iconico e carissimo, contenitore di pezzi di vita, custode di vizi e vezzi: la borsa di una donna è certamente la cartina di tornasole di storie straordinarie, da stringere nei momenti di insicurezza e mostrare fieri al mondo in quelli di successo.

Elemento che verrà messo sulla scena social quale scrigno per eccellenza, invitando tutte le donne a mostrarlo, aprendolo metaforicamente per condividere vissuto, sogni, aspirazioni, paure e progetti.

Ci saranno mamme, donne in carriera, studentesse che postando foto con le loro borse potranno scegliere di condividere con il mondo un piccolo capitolo o un’intera storia. L’obiettivo è semplice: raccontare, condividere, includere e dedicare tutta la prima settimana del mese delle mimose a una normalità multiforme, che può e deve incoraggiare, ispirare e stupire. La borsa diventa voce ufficiale prendendo in prestito, nella genesi dell’hashtag che domina la campagna orientata al coraggio di condividere, alla canzone di Noemi – in gara a Sanremo – “La borsa di una donna” abbandonando definitivamente, come un atto di necessaria liberazione, cosa è custodito all’interno di sé stesse, senza censure, paure e timori.

Partecipare è semplicissimo: basterà scattare una foto che comprenda la propria borsa e lasciarsi andare a un ricordo, a una promessa a un’aspirazione. Associando al contenuto l’hashtag #lamiaborsalamiastoria si contribuirà all’amplificazione di normalità e bellezza di cui le donne sono naturali portatrici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui