Chiara Ferragni ‘Senza Filtro’: Strategia di Marketing o Autentica Mea Culpa?

2
113

La Meloni Punta il Dito, ma la Ferragni Gioca d’Anticipo: La Battaglia dei Panettoni Si Combatte sui Social”

Il mondo del web è stato scosso da una polemica che vede protagonista la digital influencer per eccellenza, Chiara Ferragni, e la politica Giorgia Meloni. Il fulcro della questione? Una donazione di panettoni che, secondo l’accusa lanciata da Meloni durante l’evento Atreju, sarebbe servita più a gonfiare il cachet della Ferragni che a sostenere una causa benefica.

Fonti come il Corriere della Sera e il Sole 24 Ore riportano le parole della leader di Fratelli d’Italia, che critica aspramente l’operato della Ferragni e del marito Fedez, sottolineando come “i veri modelli da seguire non siano gli influencer che promuovono panettoni“.

La risposta di Fedez non si è fatta attendere, come riportato da MSN, difendendo l’integrità della moglie e sottolineando come, a differenza di altri, Chiara ammetta i suoi errori e ne paghi le conseguenze. Nel frattempo, l’Huffington Post enfatizza la stoccata della Meloni, che mette in discussione la credibilità degli influencer nel panorama sociale attuale.

Una disamina approfondita rivela le astute strategie di comunicazione di Chiara Ferragni, gettando luce su come abilmente naviga le acque della polemica pubblica e modella la sua immagine mediatica.

In un video diventato virale su TikTok, il famoso video delle scuse, la Ferragni appare insolitamente “al naturale”, senza trucco né artifici, come a voler fare ammenda in un modo che sembra quasi troppo studiato per essere spontaneo. Nonostante l’apparente normalità, ciò che vediamo sui social è spesso una finzione accuratamente costruita.

L’ironia della situazione non sfugge a chi osserva il panorama social con occhio critico: Chiara Ferragni, nel tentativo di uscire dalla trappola mediatica tesa da Meloni, sceglie di presentarsi come “la zia 50enne” che tutti conosciamo, distante anni luce dall’immagine patinata a cui ci ha abituati. Ma è questa la mossa vincente? È possibile che, in un’epoca dominata dall’immagine, una strategia di “decostruzione” dell’identità digitale sia proprio ciò che il pubblico attende?

La domanda sorge spontanea: se Chiara Ferragni avesse chiesto scusa in abiti di gala, truccata e pettinata come di consueto, avremmo accolto il suo messaggio con maggiore credulità? O il suo tentativo di “umanizzarsi” è la carta vincente che la riconferma come regina indiscussa del marketing digitale?

In un’epoca in cui l’autenticità è la moneta più rara, Chiara Ferragni ci dimostra che anche la normalità può essere una maschera. E forse,  la vera normalità è qualcosa che va oltre i filtri di Instagram e le coreografie di TikTok. Forse, in fondo, è giusto quel “Pensati Libera” a cui ci invita un famoso content creator partenopeo, in quanto siamo tutti un po’ “migliori della Ferragni”, semplicemente perché siamo reali.

In un mondo di illusioni, questa potrebbe essere la più grande rivelazione di tutte

Loading

2 Commenti

  1. Innanzitutto, Buon Natale,sono un uomo di immagine,sono Parrucchiere,io con l’immagine ne faccio uno studio professionale,per dare una quantità,io ho visto un decadimento della stessa sulla Sig Ferragni,non sarò io a giudicarli entrambi i coniugi,ma perché non ci facciamo le cose nostre invece di fare il gioco d’altronde che vogliono loro,la pubblicità,da quello che leggo da vari articoli,non facciamo, anche io in questo caso,soggicare dalla coppia, d’altronde se c’è una coscienza,non sono io a dirlo, perché non li conosco di persona,per poterlo fare, pensiamo ad altro,alla nostra Vita,alla loro la devono pensare loro se ci tengono ad un giudizio, perché, giustificando le sue mancanze,ha fatto altro,che giudicarsi lei stessa, quindi Auguri a Tutti, pensiamo che ci sono bambini che non mangiano per colpa anche mia,che parliamo di fermare la guerra,ma le potenze economiche ormai valgono più di tutto ,che fine faremo se si va avanti così, niente di buono,ma la speranza è l’ultima a morire, Auguri di ❤️

    • Caro lettore,

      Innanzitutto, auguri di Buon Natale e buone feste a te Franco e a tutti i lettori.

      Apprezziamo il tuo punto di vista e la tua riflessione sulla questione della comunicazione e dell’immagine, specialmente quando si tratta di figure pubbliche come Chiara Ferragni.

      Capiamo che tu abbia notato un cambiamento nell’immagine della Ferragni e che, da professionista nel campo dell’immagine come parrucchiere, ritieni importante sottolineare questo aspetto. È interessante notare come la percezione pubblica di una persona possa evolvere nel tempo.

      Il tuo invito a concentrarsi sulle proprie vite anziché farsi coinvolgere troppo nelle dinamiche delle figure pubbliche è comprensibile. Ognuno di noi ha le proprie sfide e priorità, e spesso può essere più costruttivo focalizzarsi sul proprio benessere.

      È importante sottolineare che, in quanto figura pubblica, le azioni di Chiara Ferragni possono avere un impatto significativo sull’opinione pubblica e che stavoltà, aldilà del giudizio morale, abbia toppato proprio nel suo lavoro e cioè nella comunicazione.

      Infine, condividiamo la tua preoccupazione per le questioni globali, come la fame e la guerra, e l’importanza di mantenere viva la speranza per un futuro migliore. È un pensiero condiviso da molti, e speriamo che l’impegno individuale e collettivo possa portare a cambiamenti positivi nel mondo.

      Grazie per la tua partecipazione alla discussione e per gli auguri di cuore. Auguriamo anche a te un sereno e prospero anno nuovo.

      Cordiali saluti,
      La Redazione
      Frank Maria de Feo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!