“Il caos genera stelle”: Anna D’Elia in mostra a Roma

0
59

24 febbraio- 12 marzo 2023- alla SacripanteArtGallery

Torna a Roma un’artista internazionale di grande talento, Anna D’Elia, con un nuovo interessante progetto visivo “Il Caos genera Stelle” dal 24 febbraio al 12 marzo alla SacripanteArtGallery, circa 25 opere che raccontano il suo percorso creativo partendo dal caos, dalla sostanza vista come la rigenerazione per realizzare i desideri. Un’arte che ricerca l’Essenza degli esseri e delle cose è quella che raffigura Anna D’Elia.

Un’arte che indaga attraverso le passioni e i sentimenti il senso della vita e della felicità, dal caos alla generazione dei desideri, è il vero fulcro di questo nuovo appuntamento nella capitale, che l’ha già incoronata regina dell’ambiente e della bellezza con la mostra “Il mondo salverà la bellezza” in via dei Coronari nel 2019.

“Il Caos genera Stelle – spiega Anna D’Elia -nasce dal desiderio di regalare un planetario spettacolare che possa proiettare il pubblico nel mio Altrove magico. Ogni opera rappresenta una Stella, un desiderio, un’emozione, da concretizzare prima nell’immaginario per essere poi possibilità di realtà”.

Una mostra da non perdere nel cuore della capitale, ce lo spiega nel dettaglio l’artista.
Come si arriva attraverso il caos alla materia dei desideri?
“Il caos è l’origine, l’Archè, senza forma e direzione. Un caotico magma pulsante, soffocante, cinetico, indeterminato, che disorienta. Eppure il caos è linfa vitale, potenza generativa della nostra Stella. Un’energia creatrice disordinata da plasmare, da convogliare affinché possa evolversi e concretizzarsi nel Desiderio. Il Desiderio guida l’Essere alla realizzazione dell’obiettivo di Vita.

Come nasce questa mostra e perché?
“Nasce dal desiderio di regalare un planetario spettacolare che possa proiettare il pubblico nel mio Altrove magico. Ogni opera rappresenta una Stella, un desiderio, un’emozione, da concretizzare prima nell’immaginario per essere poi possibilità di realtà.

nJe suis… Ousia un progetto che parte prepandemia, ma che ha dato i suoi frutti solo nel 2022, di cosa si tratta?

“Je suis… Ousia (Io sono … Essenza) è un progetto di ricerca-zione e sperimentazione ambizioso, che è nato e si è concretizzato durante la pandemia. Unico vincolo a cui mi sono attenuta è stato quello di soddisfare l’esigenza di esprimermi e di plasmare la materia in assoluta libertà, svincolandomi da qualsiasi tecnicismo altrui, tanto da creare un mio stile che nel panorama dell’arte contemporanea è del tutto individuabile ed originale. Ho utilizzato il termine greco Ousia che nel linguaggio comune corrisponde a quello di sostanza. In filosofia con questa parola si deve intendere il fondamento del ciò che realmente è, ovvero ciò per cui “una certa cosa è quello che è, e non un’altra cosa”. Essenza è materia e forma insieme. Le opere sono la sovrapposizione di questi due aspetti, inscindibili a mio avviso. L’idea guida è stata quello di creare uno spazio Altro, insolito e multisensoriale. Ogni opera la si può percepire sia visivamente che tattilmente. l’Essenza delle mie emozioni “materializzate” inducono anche ad un viaggio olfattivo: un sottofondo diffuso dell’essenza OUSIA, dalle note limpide, blu come un “Cielo di Cristallo” traspira dalle opere per persistere Altrove, nella memoria dei sensi”.

Opere quelle in mostra a Roma che raffigurano pieghe dell’anima, stelle, cuori e crepe, come nasce in lei questo nuovo modo di vedere il mondo?
“Nasce dall’esigenza di concretizzare matericamente, accentuando a seconda delle esigenze, la tridimensionalità di un concetto e/o emozione. I vecchi teli di lino sono cosparsi da materico contenente anche un’essenza. Possono essere liberamente toccate seguendone le increspature, ed immaginarne le forme, percepirne il profum…

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!