Alla Pinacoteca Provinciale inaugura Differenza e Ripetizione, l’antologica di Deborah Napolitano

0
25

Venerdì 22 settembre, alle ore 17,30, presso la Pinacoteca Provinciale di Salerno inaugura Differenza e Ripetizione, l’antologica di Deborah Napolitano a cura di Antonello Tolve.

DIFFERENZA E RIPETIZIONE
Muovendo da una serie di elementi che si ripetono seguendo variazioni e spostamenti, come pure giochi di somiglianza formale, sempre fortemente spinti verso una singolarità e dunque portati sul livello di una unicità dettata dalla robustezza della manualità, Deborah Napolitano propone un viaggio tra effetti ottici e linguistici che caricano di nuovo senso cose e oggetti, con lo scopo di dar vita a immagini del pensiero, a sculture oscillanti tra artificializzazione della natura e naturalizzazione dell’artificio.
Con Differenza e Ripetizione (il titolo è preso a prestito da un libro di Gille Deleuze del 1968) Napolitano disegna negli spazi della Pinacoteca un itinerario plastico che si nutre di elementi tradizionali quali la terracotta – spesso collegata a strutture e forme metalliche (ferro, bronzo, ottone) – plasmata per dar luogo a forme e formule dalle venature squisitamente metafisiche (e a tratti neoromantiche) che mostrano sospensione, slittamenti percettivi, racconti muti e preziosi.

Dell’ormai quindicinale processo di rielaborazione e rivitalizzazione del tessuto tradizionale che l’artista indaga per formare discorsi affilati e innovativi, troviamo in mostra lavori che vanno dai suoi primi cavalli di battaglia – una installazione di innocue Mine realizzate in terracotta e smalti sin dal 2008 e alla cui estremità, anziché una miccia, crescono piccole agavi o cactus tipici della costiera amalfitana – alle preziose immagini di Guardiani (2014-), elmi brillanti e sovratemporali dai prefissi linguistici neoantichi.

Scomodatevi (2017) è, poi, una installazione in cui delle sedie sono decontestualizzate, sovrapposte, lasciate apparentemente in bilico, poste in dialogo con lo spazio circostante: e le cui sedute hanno l’aspetto del cactus e del fior di loto.
Tra i lavori più recenti proposti in mostra, Harlequin in the Mirror (2023), variante dell’omonimo lavoro entrato nella collezione dell’Ambasciata d’Italia a Berna, e l’inedito Abitanti (2023), circa trenta busti in terracotta installati circolarmente, alcuni dei quali al posto del cuore conservano una piccola mela di bronzo.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Filiberto e Bianca Menna e dal Lavatoio Contumaciale, in collaborazione con il Museo della Ceramica Alfonso Tafuri e con il patrocinio della Provincia di Salerno.

 

 

Loading

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!