Al Museo FRaC la rassegna “Luoghi del paesaggio”

0
3

Sabato 1 maggio dalle ore 18:00, con l’inaugurazione della mostra di Eliana Petrizzi, apre al pubblico on line, sui canali digitali del Museo FRaC, del Comune di Baronissi e della Gutenberg Edizioni, la rassegna LUOGHI DEL PAESAGGIO  che propone, da maggio a giugno, le personali di:  Eliana Petrizzi Altri luoghi della memoriaPaolo de Santoli, spazi oggettivi dello sguardoFrancesco Cecchetto. Frammenti dall’inconscio.

“A breve – scrive Gianfranco Valiante sindaco di Baronissi – con l’importante mostra dedicata a Daniel Spoerri, il Museo-FRaC Baronissi riprenderà il programma espositivo in presenza. È un momento significativo, perché segnale di una ripresa concreta, un ritorno al dibattito e agli incontri con la cultura. Parallelamente, alla luce dell’ampio consenso registrato in quest’anno di chiusura, continua l’attività online con questa rassegna dedicata al tema del paesaggio. Un tema che si lega alle aspettative di una transizione ecologica, quindi con lo sguardo rivolto al futuro del nostro pianeta.”

In complessivo cinquantacinque tra dipinti e disegni che tracciano le prospettive di paesaggi, proposti come presenze vive nell’immaginazione degli artisti, rinnovando il loro profondo legame con l’Universo.

“Un altro ‘paesaggio’  è vivo nelle nostre radici” osserva Massimo Bignardi. “è un ulteriore angolo che sposta l’attenzione su un piano che coinvolge il Sé collettivo, i miti, le figure che abitano nei territori del mondo magico. Il paesaggio diviene confessione con il sentimento della natura. Quest’ultima diviene luogo di un’immagine o, meglio, spostando l’attenzione in direzione del tema di questa rassegna, un luogo del paesaggio, inteso come corpo, figura che ha, anche, una sua oggettivazione. La pittura, affermava Merleau-Ponty, «risveglia, porta alla sua estrema potenza un delirio che è la visione stessa».”

La rassegna sarà visibile online fino al 20 giugno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui