A Paestum si parla dell’archeologia circolare

0
8

Cultura-

La presentazione del tempietto dorico scoperto nel mese di giugno 2019 nel corso di lavori di restauro sulle mura occidentali di Paestum, che si è tenuta nell’ambito della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, è stata un’occasione per tornare sul tema del l’archeologia “circolare”.

La centralità dell’impatto ambientale e sociale nella gestione dei beni archeologici è stata sottolineata dal direttore del Parco Archeologico di Paestum anche in occasione della conferenza stampa di apertura della BMTA, durante la quale i partecipanti hanno trovato sulle sedie il “Manifesto dell’archeologia circolare”.

Come hanno illustrato i funzionari del Parco, Francesco Uliano Scelza e Giovanna Manzo, il progetto di ricerca, restauro e valorizzazione avviato dopo il rinvenimento del tempietto, rappresenterà un modello per la condivisione in diretta delle indagini, delle attività di recupero, salvaguardia e restauro con il coinvolgimento del pubblico.

“Il nostro obiettivo è di raccontare tutta la filiera archeologica, dallo scavo, allo studio e fino al museo ed è per questo che abbiamo deciso di far visitare i depositi tutti i pomeriggi.  Speriamo così di sensibilizzare il pubblico sul valore del contesto territoriale degli oggetti e dei monumenti archeologici che diventano occasione di confronto, crescita culturale e sviluppo locale” , ha affermato il direttore.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui