Barbie: tra canoni di bellezza e modernità, nuovi modelli per le bimbe di oggi

giugno 25, 2018 0 Comments Stili di vita 866 Views
Barbie: tra canoni di bellezza e modernità, nuovi modelli per le bimbe di oggi
12Shares

La MATTEL al passo con i tempi- di Rosanna Palumbo-

Barbie, la bambola più famosa al mondo sta perdendo il suo incanto. Tutte le bambine, o quasi, volevano essere Barbie, ma ora? Lo vorranno ancora? Ora che Barbie è diventata “ Normal Barbie”, più normale, anche con le stesse imperfezioni delle bimbe che ci giocano? Infatti, vengono vendute con vari adesivi che simulano la cellulite, l’acne…
Barbie incarnava, o meglio rappresentava, un’ideale di bellezza che difficilmente rispecchia la realtà, un esempio di femminilità irraggiungibile di perfezione e, proprio per questo, desiderata e ambita. Barbie è dunque una icona di moda e di bellezza spesso considerata fuorviante per le più piccole.

E così, la Mattel, famosissimo brand americano creatore della mitica bambola, dopo un’indagine svolta tra 8000 madri di bambine statunitensi tra 0 e 10 anni, ha lanciato due nuove linee : “Inspiring Women”, basata su figure femminili storiche e “Shero”, ispirata a icone femminili viventi, celebrando così i modelli femminili di grandi donne del passato e del presente. Sono queste donne che provengono da contesti e settori diversi, di varie nazionalità e che rompono gli schemi diventando una fonte di ispirazione per la prossima generazione di ragazze. E così, ogni bambola è corredata di tutte le informazioni: una sorta di biografia sulla personalità e sul contributo che ogni donna rappresentata ha dato alla Società. Il risultato è dato da 17 “donne in miniatura”, che ricordano altrettante icone femminili del nostro tempo. Tra queste scopriamo anche un’italiana: Sara Gama, capitano della squadra femminile della Juventus e della Nazionale, che rappresenta proprio l’emblema della nuova eroina. Sportiva affermata, nata da padre congolese e madre italiana, racchiude in sé tutte le barriere che ci si sforza di abbattere.

Affermazioni di un nuovo femminismo, tanto che sono state presentate l’8 marzo, festa internazionale della donna, per celebrare le donne in tutta la loro essenza. Le prime tre Barbie della linea “Inspiring Women”, rappresentano Frida Kalo, pittrice famosa per il suo stile unico, attivista e simbolo di forza morale, ricordata forse soprattutto per le sue sopracciglia, riportate fedelmente sul viso di Barbie! La seconda è la famosissima aviatrice Amelia Earhart, scomparsa in volo, i cui resti sono stati ritrovati solo di recente. Amelia fu la prima aviatrice ad attraversare l’Oceano Atlantico, sfidando le rigide convenzioni dell’epoca e superando nuovi record nell’aviazione. La terza Barbie ha le fattezze di una persona veramente speciale, alla quale ultimamente è stato anche dedicato un bellissimo film. Si tratta di Katherine Johnson, pioniera nelle scienze matematiche. Ella, con il suo operato, è riuscita a infrangere le barriere razziali (era una donna di colore) e di genere (perché era una donna). Creò un pool di sole donne assunte dalla Nasa come “computer umani” per calcolare la traiettoria del primo volo americano nello Spazio.

Bellissima iniziativa che ha dato inizio ad un dialogo sull’importanza dei modelli positivi da cui trarre ispirazione. La Mattel ha voluto offrire alle bambine di tutto il mondo modelli di donne che possano ispirarle affinché diventino chiunque vogliano essere. Il brand americano ha invitato le ragazze “ad esplorare il proprio potenziale illimitato attraverso le incredibili donne che hanno contribuito a spianare la strada per loro”. Era già successo che la Mattel celebrasse personaggi femminili, ma con queste ha attuato un cambiamento epocale. Ha lanciato anche l’hashtag # “MoreRoleModels” per rendere virale la diffusione dei modelli che l’hanno ispirata.

Ci sono poi le Barbie preferite dalle mamme e dai pediatri, quelle più normali, più vicine alla bellezza comune e questa nuova iniziativa è stata approvata dalla “Società Italiana di Pediatria” e dalla “Società Italiana di Medicina dell’Adolescenza”. Sono Barbie dal corpo più imperfetto e, soprattutto, vario. Alte, basse , bionde, brune, magre, formose, queste nuove bambole sicuramente possono essere un ottimo messaggio per le bambine, un modo per aiutarle nel processo di accettazione del proprio corpo così com’è. Le nuove Barbie corrispondono alle nuove donne, sempre più inclini a migliorarsi senza stravolgere il proprio viso o il proprio fisico.

Basta paragonarsi ad una “ragazza” biondo platino, alta magrissima ma formosa, con gli occhi azzurri, quando si è piuttosto bassine, in carne, piatte e con gli occhi scuri ! Si è ciò che si è, nella propria meravigliosa unicità e bisogna amarsi, sempre. Sognare di essere bellissime non significa stravolgere se stesse, ma avere alti canoni di bellezza.
Sognare di diventare una principessa è come sognare di essere belle come Barbie, un sogno, perché è nel sogno che respirano le nostre anime. L’importante è che tutte le bimbe,  si accettino per la loro unicità e, da grandi, possano affermare, con le parole di Clint Eastwood: “ I vecchi sogni erano bei sogni … Non si sono avverati, comunque li ho avuti!”

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply