M5S, Castellone: “Tumori, parole di De Luca umiliano ricerca e mortificano malati”

ottobre 9, 2018 0 Comments Salute 245 Views
M5S, Castellone: “Tumori, parole di De Luca umiliano ricerca e mortificano malati”
0Shares

Il post della capogruppo al Senato in Commissione Sanità: “Non è ‘sdrammatizzando’ termine che si ottengono risultati”

“Quando si parla di patologie di una certa gravità, bisognerebbe avere il buonsenso di evitare qualunque ragionamento fatto con approssimazione e superficialità. Se poi il ragionamento è finalizzato a dare un contributo a materie così delicate, si rende necessario parlare con dati concreti e risultanze scientifiche alla mano. I tumori sono patologie gravi e non è certo definendoli in altro modo né ‘sdrammatizzandone’ il termine, come chiede il presidente De Luca, che si consegue un risultato migliore nella loro cura. La prevenzione è importante per approntare la migliore terapia possibile. Ma snocciolare percentuali a caso e dire che si tratta di una patologia come un’altra corrisponde da un lato a svilire gli sforzi immani che la ricerca compie da anni a livello mondiale, dall’altro a mortificare chi da tempo combatte contro questa patologia o ha assistito, inerme, alla perdita di un proprio caro a causa di questo male. Tumore, tra l’altro, non ha nulla di dispregiativo o di amplificativo della patologia in sé”. E’ quanto scrive in un post sulla sua pagina Fb la senatrice Maria Domenica Castellone, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità.

“Il lavoro di ricerca – scrive ancora Castellone – va sostenuto e rispettato. Parole pronunciate alla maniera di slogan come quelle di De Luca non danno alcun contributo se non quello di semplificare, in maniera irresponsabile, soprattutto per l’istituzione rappresentata da De Luca, una materia così delicata. Oggi che al Senato siamo al lavoro per istituire, finalmente, un Registro Nazionale Tumori, il governatore della regione che ospita la famigerata “Terra dei Fuochi”, dove sono nata e cresciuta, si preoccupasse piuttosto di tenere aggiornati i dati regionali, tenuto conto che a Napoli l’ultimo aggiornamento risale al 2013, mentre a Salerno il registro tumori territoriale è fermo addirittura al 2011.

 

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply