I “cannolicchi” di Eboli: pasta preparata un tempo sulle canne di bambù

maggio 10, 2016 0 Comments Gusto 128 Views

Sapori e tradizioni –

90% di pianura… Il fiume Sele da una parte- e il Parco regionale dei Monti Picentini dall’altra.. Nonostante inverni molto piovosi- e una temperatura media di 23.5 °C- inevitabile che venga fuori un “prodotto” d’eccellenza targato Jevule (“Eboli”in dialetto ebolitano)
Lunghi o corti.. a vostra scelta..I cannolicchi di Eboli sono un’antica pasta, preparata in passato dalle massaie sulle canne di bambù lungo i torrenti ebolitani.

Oggi forse non ci sarà il bambù, ma c’è sempre a disposizione il mitico “ferro”! Acqua, farina e.. olio di gomito!.. L’impasto deve avere una consistenza tale che ti consenta di fare il formato che si preferisce dopo..

Le nostre nonne avevano l’abitudine di conservare la pasta tagliata per tutta la settimana.. scommettiamo che finisce prima?!
E’ questa una storia di passione e tradizioni che viene ancora narrata, in un territorio pregno di cultura e di antichi sapori.

Tra orecchiette, cavatelli e tagliolini, eccellenze del nostro territorio, tra farine e grani, tra lavorazioni delle diverse trafile per la realizzazione della pasta, si pone la ricetta dei cannolicchi.

RICETTA PER LA PASTA:
1. Mettere la farina su un tavolo (500gr) e formare un mucchietto per poi fare un buco al centro
2. Aggiungere acqua (calda), e impastare finché non si ottiene un impasto liscio e omogeneo e farla riposare per mezz’ora!
3. Infarinare il piano di lavoro e stendere la pasta)tagliarne in piccoli pezzi per volta per ricavarne poi dei cilindri; prendere lo stiletto in metallo, con il quale far pressione sul centro della pasta per poi muovere velocemente in avanti e in indietro (stesso movimento del mattarello, ma in versione mignon!).. et voilà.. il maccherone è pronto.
4 regole d’oro per preparare la pasta fresca fatta in casa
1) Usa la spianatoia, la rugosità del legno è ideale per impastare.
2) Se volete osare anche quella all’uovo, la proporzione ideale tra uova e farina è di un uovo per 100 g di farina.
3) Evita di lavorare tra correnti d’aria: fanno seccare in fretta la pasta. (Non dico che dovete fare la sauna- ma almeno per quel giorno> chiudete le finestre!)
4) Il panetto va lavorato con energia per 10 minuti, sbattendolo sulla spianatoia affinché la pasta diventi elastica.
Per la cottura ricordate che la pasta fatta in casa cuoce molto velocemente: una volta raggiunto il bollore dell’acqua versare la pasta, non appena riaffiora in superficie (un paio di minuti) scolare condire.. e poi- tutti a mangiare!
RICETTA PASTA CON LE ZUCCHINE
200 gr di Pasta,
300 gr di Zucchine
100 gr di Formaggio provolone
5 gr di Sale
2 pizzichi di Pepe nero
200 gr di Olio di oliva
Cipolla, sedano, prezzemolo
(pomodorini-facoltativo)

1. In una pentola mettere cipolla, olio, sedano, prezzemolo, acqua, zucchine (una parte) tagliate a dadini e lasciar cuocere. Affettate le zucchine rimanenti a rondelle sottili e cuocetele a parte, poi scolatele, frullatele e aggiungetele.
2. Cuocete i maccheroni al dente.
3. Se serve versate qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta al sugo.
4. Scolate i maccheroni e uniteli alle zucchine, aggiungete il provolone tagliato, spolverate con il pepe e impiattate.

Il successo è assicurato…

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply