11 settembre 2011: tra terroristi ed Eroi

settembre 11, 2018 0 Comments Editoriale 291 Views
11 settembre 2011: tra terroristi ed Eroi
15Shares

Per non dimenticare -di Claudia Izzo-

Sulla pagina Facebook di mia cugina Angela che vive vicino a New York, già a prima mattina, sventolava la bandiera  a stelle e strisce con una scritta ed una data : “Never forget. 09 .11.2001.” La ferita non è rimarginata e mai lo sarà per ogni americano che continua a piangere le 2996  vittime dell’attentato terroristico di 17 anni fa, tra cui  persero la vita 343 vigili del fuoco e 60 poliziotti con  oltre 6000 feriti. Quattro furono gli aerei dirottati dai terroristi di Al Qaeda, un attacco ben sferrato al cuore della democrazia, al cuore della superpotenza, al cuore della libertà.

L’America era in ginocchio. Il mondo tutto era inerme innanzi al Terrore.

Tra poco, alle ore 8.39 ora americana, a  New York sarà rispettato il silenzio alle 8,46 e 9.03 , quando furono colpite le Twin Towers; alle 9.50 e 10,28 quando i grattacieli crollarono, alle 9.37 quando ci fu l’attacco a Washington sul Pentagono   ed alle 10.03 quando si schiantò il volo a Shaksville,in Pennsylvania, prima di abbattersi sul vero obiettivo, il Campidoglio di Washinghton grazie alla ribellione dei passeggeri. Per tre giorni fu proibito l’atterraggio su territorio statunitense. Tre furono in tutto gli edifici del complesso World Trade Center che collassarono. L’America rispose dichiarando guerra al terrorismo, attaccando l’Afghanistan controllato dai Talebani accusati di aver ospitato i terroristi autori della tragedia. Le borse rimasero chiuse una settimana con il crollo dell’economia.

Da allora il mondo non è stato più lo stesso.

Analisti ed esperti di storia contemporanea hanno infatti ipotizzato che l’11 settembre 2001 diventerà  in futuro uno spartiacque storico,  una data  per indicare convenzionalmente la fine di un’epoca e l’inizio di una nuova epoca, una data analoga, ad esempio, alla scoperta delle Americhe (1492), oppure alla Rivoluzione francese (1789) per la notevole risonanza mondiale della notizia e il periodo di transizione in cui si è verificata. Segnerebbe la fine dell’era del conflitto tra comunismo e capitalismo e l’inizio dell’era della lotta al terrorismo internazione di matrice islamica, la fine del progresso, del benessere e della lotta per le libertà civili e l’inizio di un’era segnata dal terrorismo, dalla diffusione dell’Islam in Occidente, dal ridimensionamento del concetto di tolleranza religiosa, da una maggiore intromissione della religione nella vita politica dei paesi occidentali, da un arretramento delle democrazie nel mondo e  dalla crisi economica.

Tra poco a New York la commemorazione si aprirà con la lettura dei nomi delle vittime, con la presenza di Guardie d’onore di Vigili del Fuoco, Polizia e autorità. Poi un tributo di luci dal tramonto di oggi, 11 settembre, fino all’alba di domani. Per sperare in un’alba migliore…

 

 

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply