Per il settimanale L’Espresso la BCC di Acquara tra le più solide e sicure

aprile 24, 2017 0 Comments Economia &lavoro 593 Views
Per il settimanale L’Espresso la BCC di Acquara tra le più solide e sicure
0Shares

Da un’indagine su campo nazionale-

Pochi giorni dopo l’intervista di salernonews24.it ad Antonio Marino, Direttore Generale della BCC di Aquara, il settimanale l’Espresso, nel numero in edicola domenica 23 Aprile, ha citato in un’indagine proprio la BCC in questione. Sono stati infatti presi in esame i bilanci di 377 delle banche popolari, di credito cooperativo e rurali presenti sul territorio nazionale e la banca, di cui è direttore generale Antonio Marino e presidente Luigi Scorziello,  è stata citata in quanto classificata come banca a basso rischio;  su quindici BCC della Campania è stata promossa insieme ad altre due.  Semaforo verde, dunque, per una BCC che vanta 40 anni di storia! Come ogni promozione, andiamo ad analizzare i criteri di selezione!

Al punteggio concorrono quattro indicatori: l’incidenza dei crediti deteriorati netti sul patrimonio netto tangibile della banca; l’incidenza delle sofferenze sullo stesso patrimonio netto; la svalutazione dei crediti deteriorati sui ricavi e il cosiddetto cost/income, rapporto tra costi operativi e ricavi, che rappresenta il principale indicatore di efficienza.

In ambito nazionale la BCC di Aquara mostra solidità e  parametri rassicuranti, dovuti ad una sana ed equilibrata gestione.  “Il semaforo verde alla Bcc di Aquara è la conferma di un lungo percorso di 40 anni sempre con numeri positivi. È la conferma che si può fare buona banca anche con piccole dimensioni – ha sottolineato il Direttore Generale Antonio Marino – Serve solo sana e prudente gestione che a noi non ha mai fatto difetto. Questi pubblicati da L’Espresso sono i dati del 2015. A fine 2016 la situazione è ancora migliorata. Ad maiora. Un grazie va a tutti i nostri soci e clienti”.

Sergio Del Vecchio

About author

Related articles

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply